Il World Wide Web Consortium (W3C) nasce nel 1994 per volontà di Tim Berners-Lee (inventore-papà del web nel 1989) ed è una comunità internazionale che sviluppa gli standard Web, studia le tecnologie web e il loro impatto tecnologico e sociale. È guidato dallo stesso Berners-Lee e da Jeffrey Jaffe (CEO).

La lingua uficiale del W3C e quindi di tutta la sua documentazione è l’inglese.

La missione del W3C è anche di mantenere gli standard aperti e sicuri per tutti. Inoltre si preoccupa di diffondere gli standard di accessibilità, in particolare per favorire le persone con problemi di vista o di udito.

La possibilità di associarsi è aperta a tutti, ma con quota associativa.

Molti i membri del W3C, ovviamente molte le istituzioni scientifiche e universitarie, ma anche tutte le maggiori aziende che operano nel web come Apple, Google, Ebay…

Gli enti e aziende italiane membri del W3C sono l’AGID (Agenzia per l’Italia Digitale), il CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), Prometheo srl e TIM (ex Telecom Italia).

L’ufficio italiano del W3C è gestito congiuntamente dalll’ Istituto di Scienza e Tecnologie dell’ Informazione “A. Faedo” (ISTI) e dall’ Istituto di Informatica e Telematica (IIT), entrambi situati a Pisa, la sede era ospitata dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (C.N.R.) fino a quest’estate (2016), quella nuova è in fase di ricerca.